Facebook Copyright Scam - Approfondisci proteggersi
CYBER NEWS

Facebook Copyright Scam – Approfondisci proteggersi

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessuna valutazione)
Loading ...

Una nuova relative alla privacy (forse ispirato dal attivazione GDPR) truffa, questa volta colpisce gli utenti di Facebook, è emerso il web. Leggere attentamente questo articolo nel caso in cui avete pubblicato un avviso per la vostra timeline Facebook dove voi annunziate la vostra proprietà del copyright di tutti i contenuti. Il presente avviso è una truffa, e si dovrebbe informare i vostri amici nel caso in cui hai postato, troppo.

Infatti, questa truffa non è affatto nuovo, ma è un rinnovamento di una frode precedentemente conosciuto quando Facebook è diventata una società quotata in borsa. La farsa vecchio sfruttato questo cambiamento per ingannare gli utenti che Facebook ha aggiornato le regole del loro accordo sulla privacy. Questo presunto cambiamento privacy avrebbe messo i messaggi e le foto degli utenti a rischio a meno che gli utenti copia-incollato una copia di una proprietà del copyright di responsabilità che stabilisce. Effettivamente, la truffa è ancora più antica e risale almeno al 2012 quando lo stesso messaggio è stato sta diffondendo sul social network.

Qual è la truffa Facebook Copyright Tutto su?

Ecco il testo del nuovo messaggio di truffa attualmente diffondendo su Facebook:

In risposta alle nuove linee guida di Facebook Dichiaro che il mio diritto d'autore è collegato a tutti i miei dati personali, illustrazioni, dipinti, scrittura, pubblicazioni, foto e video, etc. (a seguito della Convenzione di Berna).

La truffa tenta di persuadere gli utenti che il consenso scritto è richiesto per l'uso commerciale di una qualsiasi delle gli elenchi delle materie, ingannando più utenti nella distribuzione ulteriormente la stessa nota sulla loro linea temporale.

Secondo Robert Scoble, gli utenti che postando sul diritto d'autore su Facebook non hanno fatto le loro ricerche…e sono idioti. Questo è il messaggio che postato al suo 434,000 iscritti: "Se stai scrivendo sul copyright su Facebook e non avete fatto la vostra ricerca sei un idiota."

Perché la truffa Facebook Copyright… una truffa?

È presto detto, quando gli utenti si uniscono Facebook attraverso la creazione di un account, sono tenuti ad accettare i termini del social network di impiego e le politiche relative alla privacy. La prima cosa da notare è che l'account di set-up è per scelta, una volta, e gli utenti stanno facendo volontariamente.

Ciò significa che essi sono liberi di rifiutare l'accordo e non usano Facebook a tutti.

In 2015, BBC anche segnalati la ricorrente Facebook privacy bufala. Allora, Il portavoce di Facebook, Andrew Noyes, detto che sotto le condizioni iniziali, la società ha il diritto di condividere e distribuire i contenuti. Ma se gli utenti desiderano, possono alterare questo nelle loro impostazioni di privacy. “Abbiamo voluto prendere un momento per ricordare i fatti – quando scrivi le cose come le foto su Facebook, non li possediamo.”

Pur essendo in giro per diversi anni e nonostante l'ampia copertura mediatica, gli utenti continuano a copiare e incollare lo stesso messaggio alle loro linee temporali. Perché? A causa di una grande quantità di persone credono che quando qualcosa diventa così popolare su un social network come Facebook, diventa automaticamente vero.

Anche se questo particolare truffa rivela solo come ingenui e disinformati alcuni utenti sono, ci sono un sacco di altre truffe (truffe Facebook o no) che possono infettare con malware o rubare informazioni personali o bancario. Tale truffa rappresenta l'appena emersa GDPR a tema truffa che si diffonde attraverso e-mail di spam.

In poche parole, qui ci sono le due più probabili esiti di essere ingannato da una e-mail di phishing elegantemente artigianale:

Pericolo di furto di informazioni a seguito di phishing

Uno dei più grandi di phishing è che le sue informazioni rubato. Questo è successo un sacco di volte a persone reali. Un uomo anziano ha recentemente riferito che cade vittima della suddetta truffa GDPR. Di conseguenza, aveva un sacco di soldi rubati solo perché ha ottenuto ingannare dal prompt per aggiornare le sue informazioni personali e finanziarie. Dopo che l'uomo ha dato via i suoi dati della carta di credito, i criminali informatici come riferito rubato 4000 sterline dal conto dell'uomo. Se una e-mail inaspettata ti chiede di entrare in un sito web di terze parti per aggiornare le informazioni, è necessario sapere di non farlo, perché, semplicemente detto, questa è una truffa.

Pericolo di infezione da malware

Eventuali forme di malware sono stati segnalati anche per infettare le vittime a seguito di tali e-mail ingannando le vittime in documenti Microsoft apertura solo per innescare le macro maligni che causano l'infezione.

Questi tipi di documenti sono allegati alle e-mail e possono rappresentare le politiche sulla privacy aggiornati che l'utente è tenuto a leggere. Essi possono portare troppo diverse infezioni da malware, Compreso:

  • Ransomware;
  • minatori criptovaluta;
  • Trojan e informazioni Stealers;
  • Rootkit.

Nel caso in cui ritieni che il tuo account Facebook è stato compromesso in collaborazione con la truffa violazione del copyright o di qualche altra forma di frodi online, si consiglia di eseguire la scansione del PC alla ricerca di malware. Nel caso in cui. In basso troverete alcune indicazioni utili per guidare l'utente attraverso il processo di rimozione di malware, Possa essere portato a voi da Facebook o di phishing.

automaticamente la scansione del computer per vedere se è stata compromessa da uno spread truffa su Facebook o via e-mail:

1. Rimuovere truffe online con lo strumento SpyHunter Anti-Malware e il backup dei dati

Al fine di proteggere se stessi a mano con i messaggi di posta elettronica di phishing in futuro, che vi consigliamo di imparare come fare leggendo l'articolo correlato sotto:

Guida correlati: Proteggersi da essere infettati da malintenzionati Mail

Inoltre, quando si tratta di verificare se un allegato e-mail è legittima o falso, è anche possibile utilizzare la servizio gratuito ZipeZip. Si può semplicemente inoltrare i messaggi di posta elettronica ad esso, e poco dopo si riceverà una risposta, che ti dice se l'allegato è legittima. Maggiori informazioni su come utilizzare questo servizio gratuito può essere trovato nella guida qui di seguito:

Guida correlati: Come usare ZipeZip per controllare la posta elettronica prima di scaricare o di aprirli
Avatar

Milena Dimitrova

Uno scrittore ispirato e gestore di contenuti che è stato con SensorsTechForum per 4 anni. Gode ​​di ‘Mr. Robot’e le paure‘1984’. Incentrato sulla privacy degli utenti e lo sviluppo di malware, crede fortemente in un mondo in cui la sicurezza informatica gioca un ruolo centrale. Se il buon senso non ha senso, lei sarà lì per prendere appunti. Quelle note possono poi trasformarsi in articoli!

Altri messaggi

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Termine è esaurito. Ricarica CAPTCHA.

Condividi su Facebook Quota
Loading ...
Condividi su Twitter Tweet
Loading ...
Condividi su Google Plus Quota
Loading ...
Condividi su Linkedin Quota
Loading ...
Condividi su Digg Quota
Condividi su Reddit Quota
Loading ...
Condividi su Stumbleupon Quota
Loading ...