CYBER NEWS

Telefoni del programma Lifeline per cittadini a basso reddito invasi da malware

Gli utenti a basso reddito che hanno ottenuto un telefono dal programma Lifeline finanziato dal governo hanno riferito che i loro dispositivi sono stati invasi da malware. Sembra che i telefoni emessi siano noti per spingere annunci pop-up intrusivi che sono spesso classificati come malware.




Telefoni Lifeline in bundle con malware intrusivo

Gli utenti a basso reddito che hanno ottenuto un telefono dal programma Lifeline finanziato dal governo hanno riferito che i loro dispositivi sono stati invasi da malware. Sembra che i telefoni emessi siano noti per spingere annunci pop-up intrusivi che sono spesso classificati come malware.

Il governo degli Stati Uniti ha avviato il suo programma Lifeline che distribuisce dispositivi a persone a basso reddito. Sebbene questa iniziativa finanziata a livello federale sia vista come una misura positiva a notizie mostra che ci sono stati diversi problemi ad essi associati. Lo ha riferito uno dei cittadini riceventi il loro dispositivo è praticamente invaso da invadenti pop-up che li rendono inutilizzabili.

L'utente ha inviato il telefono a un ricercatore di sicurezza che ha confermato che il motivo dei pop-up è malware preinstallato. Questo modello di dispositivo prodotto per il programma mostra numerose campagne promozionali per varie società e imprese. È discutibile se l'adware sia stato inserito intenzionalmente dal produttore del telefono al fine di ottenere entrate aggiuntive dagli utenti.

Correlata: [wplinkpreview url =”https://sensorstechforum.com/cve-2020-875-intel-privilege-escalation/”] CVE-2020-8758: Tecnologia Intel Active Management vulnerabile all'escalation dei privilegi

Il malware intrusivo è stato identificato per essere presente in quattro diverse modifiche. E 'possibile disabilitare il codice ma ciò richiede il seguito di una complessa procedura che prevede l'utilizzo di un apposito software che necessita di essere eseguito da un computer tramite una connessione USB ai telefoni.

Uno dei possibili motivi dell'installazione del malware è un'analisi non così approfondita della scelta delle app che verranno precaricate sui dispositivi. Al momento del lancio, alcune applicazioni potrebbero fornire pubblicità intrusiva come parte della sequenza di comportamento.

Avatar

Martin Beltov

Martin si è laureato con una laurea in Pubblicazione da Università di Sofia. Come un appassionato di sicurezza informatica si diletta a scrivere sulle ultime minacce e meccanismi di intrusione.

Altri messaggi

Seguimi:
Cinguettio

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Termine è esaurito. Ricarica CAPTCHA.

Condividi su Facebook Quota
Loading ...
Condividi su Twitter Tweet
Loading ...
Condividi su Google Plus Quota
Loading ...
Condividi su Linkedin Quota
Loading ...
Condividi su Digg Quota
Condividi su Reddit Quota
Loading ...
Condividi su Stumbleupon Quota
Loading ...