Casa > Cyber ​​Notizie > CVE-2019-3462: Linux APT Package Manager può essere violato in remoto Grazie alla falla critica
CYBER NEWS

CVE-2019-3462: Linux APT Package Manager può essere violato in remoto Grazie alla falla critica

Un difetto pericoloso è stato scoperto nel gestore di pacchetti APT per le distribuzioni Linux che consente agli hacker di hack da remoto computer di destinazione. La questione viene monitorato nella consulenza CVE-2019-3462, che fornisce ulteriori informazioni sulla vulnerabilità. Le versioni interessate del gestore di pacchetti APT non disinfetta certo alcuni dei HTTP redirect parametri che consente attacchi di tipo man-in-the-middle a prendere posto. Ciò è particolarmente pericoloso in quanto il sistema APT utilizzato da alcuni dei più popolari distribuzioni: Debian, Ubuntu, Linux Mint e altri.

CVE-2019-3462: L'APT Package Manager è vulnerabile ad attacchi di tipo man-in-the-middle

Il gestore di pacchetti APT è stato trovato per contenere una pericolosa vulnerabilità che consente ai criminali di hackerare sistemi interessati. Poiché si tratta di uno dei sistemi più utilizzati per la gestione di software su distribuzioni Linux questo colpisce una grande percentuale di tutti gli utenti del sistema operativo. Il problema è stato annunciato con il rilascio del consulenza CVE-2019-3462. La scoperta è stata fatta da Max Justicz che ha preso avviso che il programma non gestisce correttamente alcuni parametri HTTP quando si verifica un reindirizzamento. Quando si verificano tali situazioni gli aggressori possono approfittare di questo e di eseguire attacchi the-middle man-in-. Questa volontà ha portato alla possibilità di consegnare pacchetti modificati, probabile che contengono codice maligno.

Correlata: [wplinkpreview url =”https://sensorstechforum.com/cve-2018-16864-three-vulnerabilities-systemd-journald/”]Tre vulnerabilità in systemd-journald Discovered (CVE-2.018-16.864)

Il difetto APT non verifica di eventuali nuove linee e le intestazioni arbitrarie può essere inserito nei risultati restituiti al processo principale. Se un attacco man-in-the-middle è orchestrato quindi APT possono essere indotti a pensare che ci sono ora disponibili nuove versioni.

Le note ricercatore nel suo post sul blog che che di default Ubuntu e Debian usano repository HTTP semplici out-of-the-box. Le fa segno che l'HTTPS viene by-progettare un default più sicura che può proteggere contro alcuni bug.

Poco dopo la vulnerabilità è stato divulgato il team di sicurezza di Debian patchato il problema e una correzione è stato rilasciato a tutti gli utenti. Successivamente tutte le altre distribuzioni che utilizzano il gestore di pacchetti hanno messo nel loro repository. Tutti gli utenti sono invitati ad aggiornare i loro sistemi al fine di proteggere se stessi da possibili tentativi di hack.

Avatar

Martin Beltov

Martin si è laureato con una laurea in Pubblicazione da Università di Sofia. Come un appassionato di sicurezza informatica si diletta a scrivere sulle ultime minacce e meccanismi di intrusione.

Altri messaggi

Seguimi:
Cinguettio

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su Facebook Quota
Loading ...
Condividi su Twitter Tweet
Loading ...
Condividi su Google Plus Quota
Loading ...
Condividi su Linkedin Quota
Loading ...
Condividi su Digg Quota
Condividi su Reddit Quota
Loading ...
Condividi su Stumbleupon Quota
Loading ...