CYBER NEWS

Facebook respinge multa di £ 500.000, come non è riuscito a essere trasparente

Dopo tutto il rumore e mal di testa, Facebook è finalmente (sul punto di essere) multato - nel U.K almeno, dove l'azienda deve pagare £ 500.000 ($664,000). La decisione arriva dopo che l'ufficio del Information Commissioner del Regno Unito (ICO) concluso il social network ha infranto la legge.




Facebook Ottiene il suo primo Belle seguito Cambridge Analytica

Questo è il primo bene reale di Facebook dopo la Cambridge Analytica rotto. Per quanto riguarda l'importo dell'ammenda – £ 500.000 è la somma massima consentita dal Data Protection Act del brevetto britannico 1998. A titolo di confronto, la multa è uguale guadagno di Facebook ogni 8 verbale.

ICO del brevetto britannico ha avviato un'indagine nel marzo di quest'anno, ha detto che Facebook non è riuscito a proteggere i dati degli utenti e di conseguenza è caduto nelle mani di Cambridge Analytica.

Story correlati: Facebook ha dato Mail.Ru accesso esteso ai dati utente

Diversi mesi fa, un informatore ha rivelato che Cambridge Analytica informazioni personali utilizzate prese senza alcuna autorizzazione all'inizio del 2014. Questa informazione è stata utilizzata per profilo individuale elettori degli Stati Uniti e di indirizzare gli annunci politici personalizzati.

l'informatore, Christopher Wylie, una partnership con un Cambridge University accademico per raccogliere i dati. Questo è quello che ha detto in una conversazione con l'Observer:

Abbiamo sfruttato Facebook per raccogliere milioni di profili delle persone. E modelli costruiti per sfruttare quello che sapevamo di loro e indirizzare i propri demoni interiori. Questa è stata la base l'intera azienda è stata costruita su.

Quel che è peggio è che Facebook ha scoperto circa le informazioni exploit ... e non fece nulla per avvisare i propri utenti. L'azienda "ha provveduto a recuperare e proteggere le informazioni private di oltre limitata 50 milioni di individui".

Per quanto riguarda la decisione del ICO per mettere a Facebook, privacy cane da guardia della Gran Bretagna ha inoltre concluso che il social network non è riuscito a essere trasparente circa le modalità del trattamento dei dati personali degli utenti e come è stato raccolto da terzi. Questo ha violato direttamente Data Protection Act del paese, come spiegato in un rapporto dettagliato ICO:

Un dato significativo delle indagini ICO è la conclusione che Facebook non è stato sufficientemente trasparente per consentire agli utenti di capire come e perché potrebbero essere presi di mira da un partito politico o di una campagna.

Ciò nonostante, è ancora possibile per Facebook per rispondere alla comunicazione di intenti della ICO prima della decisione finale sulla multa è delineata.

In compenso, Facebook ha detto avrebbero risposto al rapporto ICO nel prossimo futuro:

Abbiamo lavorato a stretto contatto con l'ICO nelle indagini di Cambridge Analytica, proprio come abbiamo fatto con le autorità negli Stati Uniti e in altri paesi [...] Stiamo rivedendo il rapporto e risponderà al più presto ICO,” Chief Privacy Officer di Facebook, Erin Egan, detto in una dichiarazione.

ICO di brevetto britannico sta considerando anche andando contro la casa madre di Cambridge Analytica SCL Elezioni ed ex-CEO di CA. Il social network è anche di fronte una sonda dal U.S.. Federal Trade Commission (FTC) dove un'accurata può essere proposto come pure.

Story correlati: Troppo piccolo, Troppo tardi: Facebook lancia Abuso dati Bounty

In seguito tutti gli eventi relative alla privacy scandalose, Facebook ha annunciato nel mese di aprile il lancio di un programma di taglie di abuso di dati in cui le persone saranno premiati per la segnalazione uso improprio dei dati per gli sviluppatori di applicazioni. L'abuso Bounty dati è stato ispirato dal programma di taglie bug già esistente che Facebook utilizza per scoprire e problemi di sicurezza indirizzo, e dovrebbe aiuterà nella divulgazione di violazioni delle politiche della piattaforma.

Milena Dimitrova

Milena Dimitrova

Uno scrittore ispirato e gestore di contenuti che è stato con SensorsTechForum fin dall'inizio. Incentrato sulla privacy degli utenti e lo sviluppo di malware, crede fortemente in un mondo in cui la sicurezza informatica gioca un ruolo centrale. Se il buon senso non ha senso, lei sarà lì per prendere appunti. Quelle note possono poi trasformarsi in articoli! Seguire Milena @Milenyim

Altri messaggi

Seguimi:
Cinguettio

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Termine è esaurito. Ricarica CAPTCHA.

Condividi su Facebook Quota
Loading ...
Condividi su Twitter Tweet
Loading ...
Condividi su Google Plus Quota
Loading ...
Condividi su Linkedin Quota
Loading ...
Condividi su Digg Quota
Condividi su Reddit Quota
Loading ...
Condividi su Stumbleupon Quota
Loading ...