Casa > Ospite Blogging > Here Are the Top 3 Privacy Violare conglomerati digitali
CYBER NEWS

Ecco i primi 3 Privacy Violare conglomerati digitali

Proprio all'inizio di quest'anno, l'GDPR passato UE, che ha stabilito conseguenze legali per le aziende che non hanno aderiscono agli standard specifici di privacy. Ma mentre GDPR dà sicuramente i consumatori più potere e la scelta su come vogliono condividere i loro dati, orde di dati personali sono ancora in fase di raccolti e analizzati.

Questo non è illegale, naturalmente; quasi tutte le aziende di tecnologia di oggi, per la natura stessa del settore, contare sulla raccolta di dati personali per fare business a tutti. Queste aziende sono perfettamente liberi di accedere ed elaborare i nostri dati, purché siano conformi alle norme GDPR quando necessario.

Anche con GDPR, ci sono ancora molti modi tech approfittano delle nostre informazioni personali. Questo è particolarmente vero quando usiamo piattaforme o prodotti posseduti dai più grandi conglomerati digitali, che hanno più finestre attraverso cui accedere alle nostre informazioni personali di quanto non facciano le piccole aziende tech e start-up.

Così, cui i conglomerati digitali violano la nostra privacy più? Qui ci sono i primi tre.

Correlata: [wplinkpreview url =”https://sensorstechforum.com/gdpr-change-privacy-europe-globally/”]Come sarà GDPR Variazione Privacy in Europa e nel mondo?

1. Facebook

Fin da quando il famigerato scandalo Cambridge Analytica (per il quale il gigante tecnologico è stato recentemente rimproverato con un ₤ 500.000 multa), Facebook è stato percorrendo con più attenzione. Lo scandalo, insieme con il passare del GDPR, costretto Facebook per aggiungere più opzioni per le impostazioni di privacy che danno agli utenti più scelta nel modo in cui vogliono che i loro dati personali devono essere raccolti ed utilizzati.




Ciò nonostante, Facebook ha affrontato un altro grande violazione della sicurezza nel mese di settembre, quando i dati da [wplinkpreview url =”https://sensorstechforum.com/50m-facebook-users-exposed-security-bug-asked-re-log/”]fino a 50 milioni di account di Facebook sono stati esposti. Questo è stato a causa di una vulnerabilità nella funzione ‘Visualizza come’, che ha dato hacker l'accesso ai profili utente. A differenza della manifestazione Cambridge Analytica, questa è stata una vulnerabilità all'interno di Facebook stesso–uno che ha permesso attori malintenzionati di prendere direttamente sugli account utente.

Mentre Facebook ha ammesso il suo errore e ha agito prontamente per risolvere il problema, sue azioni erano meno trasparente.

Invece di avvisare direttamente gli utenti circa l'hack, Facebook semplicemente inviato agli utenti interessati un messaggio criptico sul loro news feed con la scritta “La tua privacy e la sicurezza sono importanti per noi. Vogliamo farvi conoscere recente azione che abbiamo intrapreso per proteggere l'account.”Purtroppo, il messaggio sembrava il solito we-care-su-il-tuo-privacy a castello che Facebook ci nutre per tutto il tempo, così molti utenti sono rimasti ignari del trucco e non hanno avuto la possibilità di verificare se i loro dati erano stati rubati.

E non è tutto. sito di notizie Sicurezza dei dati Pensieri sicure mette in evidenza un altro problema di privacy sconosciuto a molti utenti: l'applicazione VPN Facebook di proprietà Onavo Protect. Mentre l'applicazione sostiene di proteggere le informazioni di navigazione dell'utente, in realtà è dando Facebook accesso a tutto il traffico degli utenti e attività on-line condotta attraverso l'applicazione.

A causa del suo record di privacy ombreggiato, sia l'Unione europea e il Congresso hanno i propri occhi su Facebook in questo momento–e gli utenti dovrebbero, troppo.

Correlata: [wplinkpreview url =”https://sensorstechforum.com/privacy-facebook-trouble-consequences/”]La vostra privacy su Facebook - il punto critico di tutti i guai

2. Google

Google, come Facebook, continua ad essere meno preoccupati di dare agli utenti il ​​controllo sulle loro informazioni personali, e più interessato a raccogliere dati utili per quanto legalmente possibile. Privacy attivista Max Schrems sostiene che, mentre entrambe le società sono tecnicamente conforme ai requisiti GDPR di ottenere il consenso esplicito dell'utente, spingono consenso a tal punto che tale consenso è praticamente forzato.

“Facebook ha anche bloccato account degli utenti che non hanno dato il consenso. Alla fine, gli utenti avevano solo la scelta di eliminare l'account di premere il tasto ‘d'accordo’–che non è una libera scelta, più ricorda (me) di un processo elettorale nordcoreano," Schrems ha detto alla CNBC a marzo.

Ha criticato Google per l'impiego di una strategia simile. Secondo Schrems, il gigante tecnologico ingiustamente FORZE agli utenti di consenso di condividere i propri dati se si sta utilizzando il suo sistema operativo Android. La società richiede agli utenti di dare a Google l'accesso ai propri dati o altro proprio “un mattone di 1.000 euro” che non può usare.

O se non la strategia di Google per ottenere il consenso esplicito è così estreme come Schrems sostiene di essere, una cosa è chiara: Fare il consenso obbligatoria (o, Proprio alla fine, ottenere che gli utenti a credere che il consenso è obbligatorio) è una chiara lacuna nel GDPR–uno che Google continuerà a sfruttare il più a lungo si può.

Correlata: [wplinkpreview url =”https://sensorstechforum.com/google-plus-user-data-leak/”]Versione consumer di Google+ sarà terminato dopo Leak dati utente

3. Amazon

Amazon è noto per la raccolta di dati personali attraverso decine di mezzi diversi. Non solo il gigante tecnologico raccogliere dati attraverso la sua piattaforma di e-commerce, ma raccoglie anche i dati attraverso i suoi prodotti. Per quanto Amazon continua a sviluppare Internet delle cose (IoT) prodotti di propria, sta rendendo più facile per sé per raccogliere i dati personali dei propri clienti.

Pensate alla [wplinkpreview url =”https://sensorstechforum.com/amazon-echo-malware-can-spy-users-times/”]Amazon Echo, l'assistente di casa, che “ascolta” ai comandi dell'utente, conversazioni record, e memorizza le informazioni sulle preferenze dei consumatori per la musica e notizie. Raccolta di musica e notizie preferenze non è banale; infatti, implicita in queste informazioni è dati sulla appartenenza politica, demografici, e hobby.

Nel frattempo, la nuova Echo sguardo assume privacy preoccupazione per il livello successivo, tra cui una fotocamera. E 'progettato per scattare foto di voi per fornire moda e dello shopping consiglio, ma ci sono evidenti rischi che la privacy quando i server di Amazon sono memorizzare fotografie di voi oi vostri familiari.

Amazon ha inoltre recentemente rientrato in fuoco per violare la privacy dei propri dipendenti. Il gigante tecnologico ha parlato di sviluppo di un intelligente braccialetto per i suoi lavoratori che traccia e registrare anche i dettagli più minuti sorte dei dipendenti, ritmo, e le abitudini fisiche.

L'orologio da polso è una chiara violazione della privacy dei dipendenti (per non parlare di diritti dei lavoratori); darebbe l'accesso all'azienda di informazioni come la velocità con un lavoratore è in movimento, quando si fermano a grattare la testa o fare una pausa bagno, e dove nel magazzino sono situati.

Con così tanti mezzi attraverso cui raccogliere i dati dei dipendenti e dei consumatori, gli utenti interessati dovrebbero astenersi dall'intraprendere con Amazon senza prima essere consapevoli dei rischi.

Sommario

consapevolezza giuridica e pubblica di questioni di privacy può essere aumentato, ma è ancora troppo presto per lasciare che le nostre guardie verso il basso quando si tratta di proteggere le nostre informazioni personali. Aziende–e giganti tecnologici, in particolare,–continuerà a cercare di trovare scappatoie nelle più recenti normative sulla privacy, e gran parte dei nostri dati continueranno ad essere esposti a vulnerabilità e hack.

Amazon, Google, e punto di Facebook per alcuni degli esempi più importanti di violazione della privacy degli utenti, ma ci sono tante altre aziende che stanno anche raccogliendo i nostri dati e la nostra privacy mettendo a rischio. Qualunque sia la piattaforma che utilizziamo, è la nostra responsabilità come utenti di restare sempre vigile.


Circa l'autore: Shachar Shamir

Shachar Shamir è COO di Ranks, una società di marketing con sede a Tel Aviv. Come COO di Ranky, Shachar aiuta start-up in tutto il mondo con la loro commercializzazione e le esigenze di crescita in linea. Finora, egli ha aiutato più di 200 start-up con soluzioni hands-on. Diverso da quello che, egli offre consulenza e start-up soluzioni mentoring, su come incrementare la loro presenza online e di ottenere più clienti.

SensorsTechForum autori ospiti

SensorsTechForum autori ospiti

Di tanto in tanto, SensorsTechForum dispone di ospiti articoli da parte dei leader di sicurezza informatica e appassionati. Le opinioni espresse in questi guest post, tuttavia, sono del tutto quelle dell'autore contribuire, e non può riflettere quelle di SensorsTechForum.

Altri messaggi

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su Facebook Quota
Loading ...
Condividi su Twitter Tweet
Loading ...
Condividi su Google Plus Quota
Loading ...
Condividi su Linkedin Quota
Loading ...
Condividi su Digg Quota
Condividi su Reddit Quota
Loading ...
Condividi su Stumbleupon Quota
Loading ...